La battaglia di Gazala: le premesse

La battaglia di Gazala fu combattuta in Nord Africa nel 1942 e culminò con la perdita Tobruk da parte degli alleati. Una sconfitta che Winston Churchill chiamò “disonore”. La battaglia di Gazala venne dopo la pausa che ci fu nella guerra in Nord Africa dal febbraio a metà maggio 1942.

Gli obiettivi di RommelNordafrika, zerstˆrte britische Panzer

Erwin Rommel era pronto a continuare la sua campagna nella regione, mentre Churchill voleva che i suoi comandanti militari fossero lì per mostrare un approccio più offensivo. La perdita di Tobruk fu un grave colpo per il morale degli alleati e sembrava caratterizzare le diverse strategie illustrate in Nord Africa. La volontà di Rommel fu di passare all’offensiva e improvvisare i suoi piani rispetto alla strategia conservativa adottata dal tenente generale Ritchie, comandante dell’8 ° Armata.

L’attacco di Gazala

L’attacco di Rommel a Gazala avvenne in un momento interessante durante la guerra. Tutte le forze dell’Asse stavano procedendo bene durante la metà del 1942. La maggior parte dell’Europa era sotto il controllo dell’Asse, i tedeschi sembravano aver recuperato dalla loro mancata presa di Mosca ed avevano sviluppato le loro forze per un attacco massiccio su Stalingrado.

In Estremo Oriente, le forze inglesi e indiani si stavano ritirando in Birmania, mentre i giapponesi stavano consolidando il loro potere nella porzione enorme della regione che avevano conquistato.

La guerra del deserto

La guerra avvenuta nel deserto era in corso dal giugno 1940 e nessuna delle due fazioni era in grado di sconfiggere il nemico, dando il colpo di grazia. Il campo di battaglia resa la strategia studiata quasi impossibile. La distanza assoluta tra le due fazioni in Nord Africa era di 1.300 miglia.

Rommel combatte costantemente per ottenere abbastanza scorte di carburante e attrezzature all’avanguardia. Alla fine del gennaio 1942, Rommel aveva nuovamente catturato la Cirenaica occidentale e aveva avanzato con le sue due divisioni entro 26 miglia da Gazala e entro 64 miglia da Tobruk. Con l’arrivo di una pausa nei combattimenti, entrambe le parti poterono riorganizzare i loro uomini ed i mezzi. Ebbe luogo tra la fine di gennaio e la fine di maggio.

Leave a Reply